IL DOMANI POGGIA SU UN CONFINE MOBILE
11 febbraio 2016
SULLA AUTOPISTA PRESENTI TUTTI I COLORI ESCLUSO IL BLU
11 febbraio 2016

… e se arrivassi tu in un collo di bottiglia

con l’olio del primo massaggio e un alito di gesso

allora io sarei come dici tu

una poltiglia. Perché da sdraiato

con una penna in mano e un quadrettato blu

lo sai che ci vedo di più?

Tu sei quella

quella che annaffia le rose dei mio giardino e prende acqua

da questo lavandino, tu sei quella

con il cacciavite e un manifesto dei miei ventuno anni di gloria e fortune

tra un fuoco di sventure

un mazzo di sogni incelofanati

e duri con i battiti, duri come i baffi

che da sotto senti gli odori decifrati 

tu dentro il solco

a nascere ogni volta

ogni volta che vuoi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *